blog

La Cooperativa Thyrrenians affianca, dal 2017, l’ARCA, nello svolgimento dei servizi di organizzazione e gestione per le “visite guidate ai beni culturali” (Aieta, Santa Maria del cedro e Scalea) previste nell’evento dal titolo “Festival Internazionale di Scacchi Riviera dei Cedri”.

Si tratta di un evento culturale, giunto alla sua dodicesima edizione, che punta decisamente a rafforzare il legame tra identità, cultura e turismo sostenibile. Dall’edizione del 2008 il “Riviera dei Cedri” si conferma, infatti, come l’appuntamento culturale nel settore scacchistico più importante della Calabria, che si disputa in una logica itinerante volta a valorizzare il territorio dell’Alto Tirreno Cosentino denominato “Riviera dei cedri”. Quello degli scacchi è un gioco dalle origini antiche, che oggi viene praticato anche in forma agonistica, ma che un tempo costituiva una delle più gradite distrazioni alle corti europee. Centrale la cultura degli scacchi nella nostra regione, basti pensare che la sua diffusione in Europa la si deve a due calabresi del XVII secolo: Leonardo di Bona da Cutro e Gioacchino Greco da Celico. A conferma di quanto fatto nelle più recenti edizioni del Festival, i laboratori di rievocazione con la scacchiera gigante sono stati dedicati ad alcune spettacolari partite realizzate dal Greco (detto Il Calabrese) e dal Di Bona (detto Il puttino).

L’evento è da sempre una manifestazione a forte connotazione culturale, che svolge un reale compito di promozione del territorio calabrese. Il Festival non ha eguali in Calabria, dove i tornei scacchistici non superano la dimensione strettamente locale del posto in cui si realizzano.

La manifestazione è riuscita a mobilitare flussi significativi di turisti extraregionali (i dati sull’incremento delle presenze sono stati registrati dal sistema ARCASTAT). Il Festival internazionale di scacchi Riviera dei Cedri, dunque, è oramai un format di successo, capace di generare presenze turistiche in periodi di bassa stagione, ma anche di proporsi nel mondo della scuola coinvolgendo tantissimi giovani e giovanissimi e facendo conoscere la Calabria a giovani provenienti da altre regioni d’Italia (Tornei giovanili). Al contempo, con le sue rievocazioni di partite storiche con la scacchiera gigante e i suoi laboratori promozionali sul gioco degli scacchi (le suggestive location 2018 sono state: il Palazzo “Marino” –sede del Museo del cedro – di Santa Maria del Cedro e il Palazzo “dei Principi” di Scalea, e il Centro “Valle Argentino” di Orsomarso), la manifestazione si conferma come evento in grado di valorizzare a livello internazionale le eccellenze storico-architettoniche della Riviera dei Cedri, oltre che le eccellenze enogastronomiche (il cedro, il peperoncino, i pannicelli d’uva – tanto cari a D’Annunzio).

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.